L’ANSA e il caso Quirico, ovvero “chi controlla il passato controlla il futuro”

11_941-705_resizeSemplice ed emblematico: il 9 Settembre, all’indomani della liberazione di Domenico Quirico, sul sito dell’ANSA si poteva leggere la notizia “Quirico: ‘Sorpreso da Usa, riflettere su intervento‘”, un articolo contenente estratti dalle dichiarazioni a caldo dell’inviato della Stampa (e le più esplicite del giornalista belga Pierre Piccinin), così come la riportiamo in fondo. (1)

L’articolo e e le dichiarazioni contenevano numerosi punti “problematici” per la visione della situazione siriana come ci è stata descritta dai media occidentali.

Qualcosa si deve essere mosso molto velocemente, se nel giro di poche ore dell’articolo integrale NON SI TROVAVA PIU’ TRACCIA. Dal link originale parte un redirect a questo minimale articolo (2) di una decina di righe. Sembra che la stessa cache sia stata rimossa mentre cliccando su di una traccia su google si trova il Warning! di un fantomatico pericolo per una “connessione non sicura” (in ogni caso procedendo si giunge allo stringato articolo attualmente visibile).

Copia dell’articolo integrale la troverete solo su quei blog che prontamente avevano ripreso l’articolo (come questo). Cosa è accaduto?  Forse solo di un eccesso di zelo, visto che quelle dichiarazioni hanno fatto il giro del mondo.

Gioverà citare l’abusato Orwell: “Chi controlla il passato controlla il futuro”, e il tentativo in questione è ben chiaro. Bene ricordarsene.

(Ringrazio un attento amico per questa segnalazione e per il salvataggio dell’articolo)

Qui l’articolo originale in pdf

Pepe Ramone

(1) in una prima versione il titolo era: “Quirico, non so se Assad abbia usato gas”, presto cambiato in:

Quirico: ‘Sorpreso da Usa, riflettere su intervento’

L’inviato della Stampa torna a casa: ‘Ho avuto paura di essere ucciso. Non so se Assad abbia usato gas’.
Domenico Quirico ha fatto ritorno nella sua Govone, accolto da un lungo applauso della sua gente. “Finalmente sono a casa. Sono commosso e ringrazio a tutti”, ha detto il giornalista prima di entrare in casa e riabbracciare le figlie, Metella ed Elisabetta, che non vedeva da 152 giorni.
”Sono estremamente sorpreso che gli Stati Uniti, che sono ben consapevoli di come la rivoluzione siriana è diventata Jihadismo internazionale, ovvero Al Qaida, possano pensare di intervenire. Bisogna riflettere a lungo”. Lo ha detto Domenico Quirico all’aeroporto di Fiumicino.”La rivoluzione in Siria è diventata altro – ha aggiunto Quirico – cioè gruppi radicali islamici che vogliono creare un califfato ed estenderlo a tutto il Medio Oriente e al Nord Africa e mi sorprendo di come gli Usa possano pensare di intervenire per aiutare questi gruppi”. “Io non dimentico cosa è il regime siriano – ha proseguito il giornalista – quali sono stati i suoi metodi, cioè bombardare la popolazione e uccidere migliaia di persone, però prima di intervenire per l’uno o è necessario riflettere e a lungo”…….
“Siamo stati fermati da due pick-up con a bordo uomini armati. I primi giorni eravamo bendati: ho avuto paura di essere ucciso. Forse tre gruppi ci hanno ‘gestito'”. E’ il racconto che Domenico Qurico, molto provato e dimagrito di 4 chili, ha fatto oggi ai pm della Procura di Roma sui suoi 150 giorni di prigionia in Siria. Rispondendo alle domande dei magistrati il giornalista ha aggiunto che “da subito sono state molto dure le condizioni in cui siamo stati tenuti. Il mangiare era dato una volta al giorno al massimo”. L’inviato ha detto, inoltre, di aver tentato per due volte la fuga assieme a Pierre Piccinin, ma dopo essere stato bloccato nuovamente dai suoi rapitori ha dovuto subire due finte esecuzioni. “Ho il sospetto di essere stato gestito da tre diversi gruppi ribelli”, ha detto ancora il giornalista ai magistrati. “Non so dire se durante il sequestro siamo stati venduti ad altri gruppi”, ha riferito Quirico nel corso del colloquio in procura a Roma, durato circa tre ore e mezza. Il giornalista ha spiegato di non “aver mai visto in faccia” i suoi sequestratori. Ha inoltre affermato di non essere mai stato a conoscenza degli sviluppi legati alla sua liberazione. ”Una notizia – ha detto – che ho appurato solo ieri”. All’atto istruttorio, l’inviato speciale de La Stampa è stato accompagnato dalla moglie e dal direttore Mario Calabresi. ”Sono stati mesi molto duri, siamo stati picchiati quotidianamente, abbiamo subito due false esecuzioni”, ha aggiunto Quirico più tardi, all’aeroporto di Fiumicino, poco prima di imbarcarsi su un volo di linea Alitalia per Torino. “Siano stati trattati bene solo per un breve periodo in cui siamo stati affidati ad un gruppo di Al Qaeda, questo lo devo dire per dovere”, ha detto. ”Desidero ringraziare lo Stato, il Governo, il Ministero degli Esteri, funzionari della Farnesina, che, mi è stato raccontato, si sono battuti veramente con un impegno straordinario per farmi uscire dalla Siria, per salvarmi la vita.”, ha affermato Domenico Quirico poco prima di imbarcarsi sul volo Alitalia Roma-Torino. ”Temevo che questa situazione, ovvero il mio sequestro, potesse continuare ancora per altri mesi, per molto altro tempo”, ha concluso.
Quirico in redazione La Stampa, abbraccio dei colleghi – Quirico è stato accolto al suo arrivo a La Stampa a Torino da un lungo, calorosissimo applauso dei suoi colleghi. Accompagnato dal direttore, Mario Calabresi, e dalla moglie Giulietta, il giornalista è stato a lungo abbracciato e festeggiato da molti dei giornalisti presenti. “Grazie, grazie a tutti – ha detto commosso -. Non riesco a dirvi altro”.
‘La fede mi ha tenuto in vita, da solo sarei morto’ – Domenico Quirico ha raccontato ai suoi colleghi della Stampa che “se fosse stato solo non ce l’avrebbe fatta”. “E’ stata la fede a tenermi in piedi, e devo riconoscere che da solo non ce l’avrei fatta – ha detto parlando a lungo ai colleghi, che lo hanno applaudito e hanno brindato con lui -. Con Piccinin ci siamo raccontati le favole di quando eravamo piccoli. Sono finito nella casa dell’orco e non ne uscivo più”.
Quirico: gas, io non so che non e’ stato Assad – “E’ folle dire che io sappia che non è stato Assad a usare i gas”: lo afferma Domenico Quirico secondo quanto riferisce La Stampa.
Sul sito del suo giornale, l’inviato sull’utilizzo dei gas in Siria afferma: “Eravamo all’oscuro di tutto quello che stava accadendo, anche dell’attacco con i gas. “Un giorno – ha raccontato Quirico – dalla stanza in cui venivamo tenuti prigionieri, attraverso una porta socchiusa, abbiamo ascoltato una conversazione in inglese via Skype che ha avuto per protagoniste tre persone di cui non conosco i nomi. Uno si era presentato a noi in precedenza come un generale dell’Esercito di liberazione siriano. Un secondo, che era con lui, era una persona che non avevo mai visto. Anche del terzo, collegato via Skype, non sappiamo nulla”. “In questa conversazione – prosegue la ricostruzione di Quirico – dicevano che l’operazione del gas nei due quartieri di Damasco era stata fatta dai ribelli come provocazione, per indurre l’Occidente a intervenire militarmente. E che secondo loro il numero dei morti era esagerato”. “Io non so – ha continuato Quirico – se tutto questo sia vero e nulla mi dice che sia così, perché non ho alcun elemento che possa confermare questa tesi e non ho idea né dell’affidabilità, né dell’identità delle persone. Non sono assolutamente in grado di dire se questa conversazione sia basata su fatti reali o sia una chiacchiera per sentito dire, e non sono abituato a dare valore di verità a discorsi ascoltati attraverso una porta”.
Piccinin, non è stato regime Assad a usare gas” – E’ un dovere morale dirlo. Non è il governo di Bashar al-Assad ad avere utilizzato il gas sarin o un altro gas nella periferia di Damasco”. Così Pierre Piccinin alla radio RTL-TVi, dicendo di avere sorpreso una conversazione tra ribelli in proposito insieme a Quirico.
Direttore La Stampa, non gli hanno risparmiato nulla – “E’ stato un sequestro terribile e molto pesante: non gli è stato risparmiato nulla”. Così il direttore del quotidiano La Stampa, Mario Calabresi, parlando in Procura a Roma con i giornalisti che stanno seguendo l’interrogatorio dell’inviato tornato libero ieri dopo 5 mesi di prigionia in Siria. Il direttore del quotidiano ha aggiunto che “Domenico sta bene ma anche se molto affaticato. Ha in testa un diario lucido di questi 150 giorni di prigionia”.
Governo belga ringrazia Italia per Piccinin – ”Il governo belga ringrazia le autorità italiane” per ”l’eccellente collaborazione” nella gestione del rapimento e della liberazione dell’insegnante belga Pierre Piccinin, ostaggio dei ribelli siriani per cinque mesi in insieme al giornalista de ‘la Stampa’ Domenico Quirico. ”Le auorità belghe”, si legge poi nella nota diffusa da Bruxelles che ricorda i ”contatti regolari” tenuti con Roma, ”sono state informate dai loro omologhi italiani della liberazione dei due ostaggi la sera di domenica”.
Piccinin, abbiamo tentato fuga due volte – Domenico Quirico e Pierre Piccinin hanno cercato di scappare due volte durante la loro prigionia in Siria. Lo ha raccontato l’insegnate belga in un’intervista alla radio Bel RTL. Una di queste, dopo due giorni di fuga, sono stati ricatturati e puniti ”in maniera molto pesante” per il gesto.
Con Quirico ”abbiamo cercato di scappare due volte. Una volta, abbiamo approfittato del momento della preghiera e ci siamo impadroniti di due kalashnikov”, ha raccontato Piccinin. ”Per due giorni abbiamo attraversato la campagna prima di ricadere nelle mani dei rapitori e poi di farci punire molto seriamente per questo tentativo d’evasione”.
Piccinin, Domenico subì due false esecuzioni – Domenico Quirico ”ha subito due false esecuzioni con una pistola”. Lo ha rivelato l’insegnante belga Pierre Piccinin, il suo compagno di prigionia, alla radio Bel RTL. Il giornalista de ‘La Stampa’ e l’insegnante belga, ha raccontato quest’ultimo, hanno subito ”violenze fisiche molto dure”. Ora ”fisicamente va bene, nonostante le orribili torture che abbiamo subito, Domenico ed io”, ha detto alla radio Piccinin, nonostante ”umiliazioni, vessazioni, false esecuzioni. Domenico ha subito due false esecuzioni con una pistola”.

(2) Ecco l’articolo così come è visibile al momento:

Quirico: non c’è nessuna rivoluzione, solo banditi

In Siria “non c’è nessuna  rivoluzione, ma solo banditi”. Lo sostiene Domenico Quirico, l’inviato della Stampa rientrato domenica proprio dalla Siria, dove è stato sequestrato per cinque mesi. “La rivoluzione non c’è più – insiste Quirico, ospite questa sera a Ballarò – e non c’è nessun progetto politico, ma solo banditi”.

“Non so se sia stato pagato un riscatto per la mia liberazione, ma di certo se sono qui è per l’avidità” dei sequestratori. “Se anche lo sapessi – si limita ad aggiungere Quirico – sarei tenuto al segreto istruttorio che è stato posto su questa vicenda. Posso comunque dire che, se sono stato liberato, è per un sentimento diffuso come è, appunto, l’avidità”.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in geopolitica, Intelligence, New American Century, rivoluzioni colorate e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...